Web Analytics: misura il successo delle tue attività!

post

La Web Analytics sta diventando un argomento di studio per valutare l’andamento delle tue attività digitali. L’attenzione verso il ROI (ritorno sull’investimento), la necessità di controllare la situazione e l’aumento del budget rivolto al marketing digitale stanno creando giorno dopo giorno un ruolo sempre più importante per questa disciplina, che non può mancare nella tua strategia.

La Web Analytics è indispensabile per valutare l'andamento delle tue attività digitali: advertising, social media, blog, SEO, ecc.

Perché la Web Analytics?

Innanzitutto perché si relaziona con tutte le attività che svolgi online: sia una campagna di advertising, un post sui social media, un articolo del tuo blog, un’attività SEO, …
 
La Web Analytics, tra le altre cose, può permetterti di:
 

  • capire se la tua attività di SEO sta convertendo;
  • conoscere le parole chiave più rilevanti;
  • verificare l’usabilità del sito;
  • capire i temi che interessano maggiormente;
  • tracciare e monitorare gli obiettivi.

 
La Web Analytics consente di dividere gli accessi al tuo sito sulla base della loro provenienza (motori di ricerca, eMail marketing, video, social media, referral o link su altri siti, ecc.) e di segmentare le visite all’interno delle singole fonti. Segmentando, è possibile seguire i visitatori all’interno del sito per capire da dove provengono gli utenti più attivi.
Tutto ciò che riesci a sapere su tuoi contatti e sui tuoi clienti può permetterti di comprendere la loro esperienza e ti “regala” l’opportunità di offrire un servizio migliore.

 

L’introduzione di uno strumento gratuito come Google Analytics per l’analisi dei dati ha aperto le frontiere per la realizzazione di numerosi tool: pensiamo a Crazy Egg, Piwik, Adobe Analytics, WebTrends, IBM Analytics, ecc.
 

Che cos’è la Web Analytics?

La WebAnalyticsAssociation la definisce come la misurazione, la collezione, l’analisi e il reporting di dati allo scopo di capire e ottimizzare l’utilizzo del web. Consiste in:
 

  • analisi dei dati qualitativi e quantitativi provenienti dai siti web;
  • continuo miglioramento dell’esperienza online per i tuoi clienti attuali e potenziali.

 
Il flusso dei click dice cosa, l’analisi multipla dei risultati comunica quando, la sperimentazione e i test aiutano a spiegare il perché, con il contributo diretto della voce dei clienti. Infine l’analisi della concorrenza risponde al cos’altro: online è possibile reperire un’enorme quantità di informazioni sui concorrenti diretti e indiretti gratuitamente.
 
Attraverso l’analisi puoi misurare i risultati, che sono sempre di tre tipi:
 

  • aumentare le entrate;
  • ridurre i costi;
  • migliorare la soddisfazione del cliente.

 
Tutto ciò che fai sul sito deve essere confrontato con questi risultati.
 

Come scegliere uno strumento di Web Analytics?

La scelta dello strumento da utilizzare è sempre una fase delicata, che si tratti di CMS (Content Management System), di CRM (Customer Relationship Management) o di analisi delle informazioni provenienti dall’online. Ma questo non deve rallentare la tua scelta, il web continua ad evolvere ad un ritmo incredibile e di conseguenza le decisioni strategiche che lo riguardano devono viaggiare alla stessa velocità.
 
Le tre domande che devi porti sono:
 

  • Vuoi ottenere dei report o un’analisi approfondita?
  • Hai le capacità informatiche e operative per sfruttare le potenzialità che ti offre?
  • La soluzione che cerchi riguarda solo il flusso dei click o hai bisogno di uno strumento molto più potente per la tua analisi?

 
Spesso nelle PMI è sufficiente avere uno strumento che dia la possibilità di effettuare report e in grado di analizzare i click, se non hai bisogno di un’integrazione con l’ERP (Enterprise Resource Planning) o il CRM.
Google Analytics è un servizio gratuito che ti permette di analizzare le statistiche sui tuoi visitatori: ne parleremo in uno dei prossimi post.
 

Alcune metriche per analizzare i risultati

L’analisi dei click parte dalle metriche e dagli indicatori delle prestazioni chiave (KPI), cioè le metriche che aiutano a confrontarci con gli obiettivi.
 
8 metriche web fondamentali sono:
 

  • Visits (visite o sessioni), rilevano il fatto che qualcuno è arrivato sul tuo sito web e vi ha trascorso del tempo, sono definite il periodo che intercorre tra la prima e l’ultima richiesta.
  • Visitors (visitatori), numero di persone che arrivano sul sito.
  • Time on page, il tempo che i visitatori trascorrono in una pagina.
  • Time on site, il tempo totale trascorso sul sito in una sessione.
  • Bounce rate (frequenza di rimbalzo), la percentuale delle sessioni in cui è stata visualizzata una sola pagina.
  • Exit rate, ossia quante persone se ne sono andate dal sito web partendo da una determinata pagina.
  • Conversion rate, una percentuale che indica i risultati divisi per i visitatori unici.
  • Engagement, le esperienze che suscitano interesse, spesso sono valori molto difficili da misurare.

 
La Web Analytics è lo strumento che ti permette di valutare i risultati delle attività online, ti indica se stai lavorando correttamente per raggiungere i tuoi obiettivi e può diventare il punto di partenza per nuove strategie di marketing digitale.
 
Fonti:

– Avinash Kaushik, Web Analytics 2.0, Hoepli, Milano.

– WebAnalyticsAssociation.

 

The following two tabs change content below.

Federico Zarantonello

Consulente di Digital Marketing, SEO, Web Analytics ed e-commerce oriented. Vivo a Vicenza e mi occupo di Marketing dal 2005. Se vuoi conoscermi meglio, ci "vediamo" su LinkedIn o sugli altri canali.

Ultimi post di Federico Zarantonello (vedi tutti)